Un’escursione lagunare indimenticabile e piena di suggestione.

Una panoramica delle isole di Torcello, Burano e Murano che tocca anche la solitaria Sant’Erasmo, chiamata anche l’Orto di Venezia per le coltivazioni di primizie e specialità, quindi il passaggio attraverso le misteriose tonalità turchesi delle acque dell’Arsenale per poi attraccare a San Lazzaro degli Armeni, la minuscola isoletta completamente occupata dal monastero casa madre dell’ordine dei Mekhitaristi dove una visita guidata condurrà nella ricca biblioteca dell’ordine.

A Sant’Erasmo – culla dell’egittologia – è possibile ammirare una mummia ben conservata, oltre alla prima edizione dei Promessi Sposi tradotta in armeno, e assaggiare la marmellata di rose canine prodotta dal monastero.

L’escursione lagunare prosegue sino all’elegante isola di San Giorgio per ammirare dal campanile della chiesa una straordinaria vista su Venezia e la laguna, per raggiungere l’attracco in Riva degli Schiavoni e passeggiare tra San Marco, Rialto e le magnifiche architetture veneziane.

L’escursione si conclude con una visita all’antico monastero di San Francesco del deserto, l’isoletta dove secondo la leggenda il Santo venne accolto da una moltitudine di uccellini che furono i suoi compagni durante le meditazioni.

Un’escursione lagunare indimenticabile e piena di suggestione.

Una panoramica delle isole di Torcello, Vurano e Murano che tocca anche la solitaria Sant’Erasmo, chiamata anche l’Orto di Venezia per le coltivazioni di primizie e specialità, quindi il passaggio attraverso le misteriose tonalità turchesi delle acque dell’Arsenale per poi attraccare a San Lazzaro degli Armeni, la minuscola isoletta completamente occupata dal monastero casa madre dell’ordine dei Mekhitaristi dove una visita guidata condurrà nella ricca biblioteca dell’ordine.

A Sant’Erasmo – culla dell’egittologia – è possibile ammirare una mummia ben conservata, oltre alla prima edizione dei Promessi Sposi tradotta in armeno, e assaggiare la marmellata di rose canine prodotta dal monastero.

L’escursione lagunare prosegue sino all’elegante isola di San Giorgio per ammirare dal campanile della chiesa una straordinaria vista su Venezia e la laguna, per raggiungere l’attracco in Riva degli Schiavoni e passeggiare tra San Marco, Rialto e le magnifiche architetture veneziane.

L’escursione si conclude con una visita all’antico monastero di San Francesco del deserto, l’isoletta dove secondo la leggenda il Santo venne accolto da una moltitudine di uccellini che furono i suoi compagni durante le meditazioni.

Ti piace? Scrivici